ADSL. La banda larga per tutti

adsl-connectionPSTN, ISDN e ancora ASDL, XSDL. Sono tante e per i profani davvero incomprensibili. Sono le sigle che non possono mancare nel vocabolario di chi si appresta a scegliere il tipo di connessione ad Internet. In questa sezione di approfondimento verrà  presa in considerazione la connessione ADSL, per analizzarne in dettaglio le offerte proposte dalle varie aziende.

L’ADSL, acronimo di Asymmetric Digital Subscriber Line è una delle ultime tecnologie in ordine di tempo.  Consente la trasmissione di dati ad alta velocità  24 ore su 24 attraverso la trasformazione della linea telefonica tradizionale in connessioni digitali per il trasferimento dati. Dunque utilizza il vecchio doppino telefonico per navigare in Internet a velocità  10 volte superiore a linee ISDN e 50 volte superiore a modem 56K.Il termine “asimmetrico”sta a significare che il traffico dei dati sul cavo avviene a velocità  maggiore in ricezione (download, dove si possono raggiungere fino a 640 Kb al secondo) rispetto alla trasmissione (upload, 128 Kb al secondo). Inoltre, attraverso un modem ADSL che separa il traffico vocale da quello dati, è possibile avere contemporaneamente attive sia la connessione telefonica tradizionale che quella ad Internet senza la necessità  di installare una seconda linea per il trasferimento voce. La notevole ampiezza di banda fornita dall’ADSL consente inoltre di accedere con maggiore rapidità  alle caratteristiche multimediali dei siti web. Il collegamento permanente e superveloce infatti rende possibile la visione di filmati fluidi e il download di file musicali in pochi secondi.

Ma a chi serve l’ADSL? Sicuramente a chi dedica parecchie ore ogni giorno all’utilizzo di Internet e scarica molti dati dal web. Per l’utenza aziendale rappresenta una soluzione appetibile per i suoi costi ridotti rispetto alle offerte presenti sul mercato delle linee dedicate.

Una volta deciso di optare per la connettività  a banda larga,  si tratta di scegliere il fornitore ed il profilo giusto. Ma bisogna stare attenti. Non sempre in questo mercato l’offerta piùbassa è anche quella piùconveniente nel senso che offre anche le prestazioni migliori. Ad incidere infatti sulle voci di costo sono diverse variabili. Occorre prendere in considerazione alcuni requisiti tecnici dai quali non si può prescindere. In primo luogo, l’ampiezza di banda che il gestore è in grado di garantire o meno. I valori teorici consentiti dall’ADSL, sia in fase di download che di upload, possono essere raggiunti infatti solo per il tratto che collega l’ abitazione al providerperchè, dal momento in cui si esce dal tratto che ci connette all’ISP, ci si trova ad utilizzare un mezzo di comunicazione condiviso con altri utenti sulla stessa linea, per cui le prestazioni variano, anche in misura notevole, in funzione del carico di traffico e del numero di utenti. Non tutte le aziende garantiscono un’ampiezza minima. Nella scelta di quella giusta, andranno quindi prese in considerazione, per non trovarsi poi con qualche brutta sorpresa, quelle che sono in grado di offrire questo servizio, magari anche a costo di pagare di più.

Il modem ADSL, necessario per la connessione, può essere concesso in comodato d’uso, oppure venduto all’utente. In quest’ ultimo caso si dovrà   pagare una quota aggiuntiva di circa 500 mila lire in piùe cioè il costo medio di un modem ADSL.

Altra variabile da prendere in considerazione è il tipo di IP (Internet Protocol) che può essere statico o dinamico. Con un IP fisso c’è la possibilità  di poter sviluppare un server web in casa propria. Questo non è invece possibile con un IP dinamico perchà© viene cambiato continuamente dall’ISP.

Ancora, alcune aziende offrono un dominio di 2° livello (nomeazienda.it. com, net, org).

Esistono poi altri servizi opzionali, come il numero di caselle di posta, lo spazio web, etc..

Le offerte di connessione ADSL prese in considerazione in questo articolo sono state distinte in offerte per reti LAN (per l’utenza aziendale), nella tabella 1, e offerte per singolo PC (destinate all’utenza privata), nella tabella 2.  Ogni servizio è accompagnato da una scheda tecnica con le tutte le relative informazioni. Inoltre sono presenti le singole voci di costo (di installazione, mensile e di sicurezza, firewall), comprensive di IVA. Nelle tabelle 3 e 4, invece, vengono riportate rispettivamente le offerte ADSL per reti Lan con modem in comodato incluso e le offerte ADSL per singolo PC sempre con modem in comodato incluso. Questa volta però le offerte sono state ordinate per costi annuali totali crescenti (dati dalla somma del costo di installazione e dei costi mensili comprensivi di IVA).

Nelle offerte ADSL per LAN, esiste una sostanziale omogeneità  per quel che riguarda i principali servizi offerti (IP e dominio di secondo livello). Ciò non avviene nelle offerte per singoli PC dove ogni proposta si differenzia dalle altre oltre che per servizi opzionali come il numero di caselle e-mail e lo spazio web (come le offerte per LAN), anche per la tipologia di IP e il dominio di secondo livello offerto. E’ per questo motivo che si sono cercate di isolare le aziende che offrono gli stessi, piùimportanti servizi (Modem, IP, Dominio) per confrontarne i diversi costi.  Nelle figure 1 e 2 vengono comparate rispettivamente le offerte ADSL su rete Lan con modem in comodato incluso e modem in comodato escluso. Tutte le aziende presenti offrono l’IP statico e un dominio di secondo livello. Quest’ultima caratteristica però, non è presente nelle offerte Fast net Single, ADSL light e Fast ADSL pro, proposte rispettivamente dalle aziende Internet Village, Micanet e Promet. Si tenga anche conto che ogni proposta si differenzia per altri servizi aggiuntivi offerti tra i quali, lo spazio Web e le caselle E-mail e, per ultimo, la caratteristica piùimportante, l’ampiezza di banda garantita.

adsl_fig.1

Per quanto riguarda i servizi opzionali si possono consultare per ciascun profilo le schede presenti nelle tabelle. Nel grafico vengono indicate solo le aziende che forniscono il servizio e non anche i nomi delle offerte. Per queste ultime si rimanda ancora alle schede di presentazione dove vengono indicate anche le città nelle quali ogni servizio è attivo. Per una connessione con il servizio ADSL light di Micanet, si paga un milione e ottocentomila lire circa al mese (il costo piùbasso), mentre con la Nextra ADSL Pro di Nextra S.P.A. si paga il prezzo piùalto (15 milioni circa). I valori  estremi di questo intervallo si abbassano se invece si considerano le offerte in cui il modem non viene dato in comodato d’uso (solo in sette casi). In questa seconda situazione si passa da un milione e quattrocento mila lire circa di Aruba    (con il servizio ADSL Lan) ai 14 milioni dell’ADSL 400 di Blixer.

Fig.2. Offerte ADSL su Rete Lan con
Modem in comodato escluso
(Costo totale annuo in migliaia di lire)

Fig.2. Offerte ADSL su Rete Lan con
Modem in comodato escluso
(Costo totale annuo in migliaia di lire)

adsl_fig2
Passando ad analizzare le offerte per l’utenza privata, come detto in precedenza, qui non tutte danno l’IP statico e un dominio di secondo livello. Al fine  di confrontarne i costi annuali sono stati così raggruppati i profili aventi le stesse caratteristiche di quelle prese in considerazione (modem, IP, dominio).

Fig.3. Offerte per PC con modem in comodato incluso, IP statico, dominio di secondo livello

(Costo annuale in migliaia di lire)

Fig.4. Offerte per PC con modem in comodato incluso, IP statico, nessun dominio

(Costo annuale in migliaia di lire)

adsl_fig3adsl_fig4

Le connessioni ADSL per singolo PC hanno, come era immaginabile, dei costi inferiori rispetto a quelle per reti LAN, non raggiungendo mai infatti i 5 milioni di lire. Nelle figure che vanno dalla 3 alla 6 e nella tabella 5 sono presenti tutte le possibili combinazioni.

Fig.5. Offerte per singolo PC con modem  In comodato incluso, IP dinamico e nessun dominio

(Costo annuale in migliaia di lire) Fig.6. Offerte per singolo PC con modem in comodato escluso, IP statico e nessun dominio(Costo annuale in migliaia di lire)

adsl_fig5adsl_fig6

GLOSSARIO

  • Firewall:Muro di fuoco. E’ un sistema progettato per impedire accessi non autorizzati  a (e da) reti private. Il suo utilizzo tipico è quello di impedire agli utenti provenienti da Internet l’accesso non autorizzato ad una Intranet.

  • Indirizzo IP: Identificativo numerico unico associato a ogni singolo computer connesso ad Internet.

  • ISDN (Integrated Services Digital Networks): Rete integrata di servizi digitali che mette a disposizione 2 canali da 64 Kbps (BRA o Basic Access Rate) per un totale di 128 Kbps, oppure 30 canali da 64 Kbps per un totale di 2 Mbps (PRA o Primary Access Rate).Consente servizi voce e dati avanzati (collegamenti ad internet veloci, videocomunicazione, trasferiemento dati, Fax Gruppo 4 ecc,).

  • ISPInternet Service Provider. Società che fornisce l’accesso ad Internet.

  • LanLocal Area Network. Rete ad area locale. Definisce genericamente un network di telecomunicazione per la trasmissione di dati che connette un certo numero di computer in una zona limitata.

  • PSTNPublic Switched Telephone Network, rete telefonica pubblica a commutazione.

27-11-2000

A cura della redazione di www.risparmio-telefonico.it