WAP: Il protocollo

cellularel WAP (Wireless Application Protocol) è un sistema che consente a dispositivi portatili come i telefoni cellulari o i PDA (Personal Digital Assistant), ovvero i computer palmari, di accedere a Internet e a servizi telefonici avanzati. I cosiddetti terminali wireless (senza fili) presentano molti limiti rispetto a un personal computer: processori poco potenti, batterie dalla durata relativamente bassa, memoria scarsa, display piccoli e in bianco e nero, tastiere e dispositivi di controllo eccessivamente semplificati.
In ugual misura, anche le reti mobili hanno parecchi limiti rispetto a quelle tradizionali: hanno meno banda, sono più lente, più instabili. E le frequenze non sono infinite. I protocolli WAP cercano appunto di superare questi limiti, essendo stati ottimizzati per l’utilizzo con questo tipo di apparecchi. Il WAP si è subito rivelato la soluzione a questi problemi perché impiega tecnologie e protocolli che si basano sullo standard di Internet, come per esempio l’http (Hiper Text Transfer Protocol), ottimizzati però per essere adattati alle caratteristiche dell’accesso senza fili.
La navigazione non avviene su normali pagine web, ma solo su siti appositamente predisposti, scritti con un particolare linguaggio, il WML (simile all’HTML usato per il Web). Il WML, acronimo di Wireless Markup Language è un’applicazione XML il cui linguaggio è relativamente semplice e compatibile con i server web attuali. Richiede ridotte capacità di memoria sul cellulare ed è efficiente per quanto riguarda lo sfruttamento della ridotta banda radio disponibile. In pratica consente di trasferire sul display del telefonino alcune informazioni e piccole immagini monocromatiche provenienti da Internet.
0I terminali WAP sono inoltre dotati di un microbrowser che ha il compito di interpretare il codice generato dai contenuti realizzati con WML e WmlScript e di visualizzarlo sullo schermo. In questo modo diventa possibile accedere e consultare i servizi WAP.